REPERTORIO

Nuove proposte

Le Roman de la rose. Con letture dal poema di Guillaume de Lorris e Jean de Meun (sec. XIII) e le musiche di Guillaume de Machaut (sec. XIV).
Uno dei più famosi poemi medievali, che narra il travagliato percorso per la conquista dell’Amata, e le musiche di uno dei più grandi musicisti di tutti i tempi.
Voce recitante: Massimo Somaglino.

Venetia, mundi splendor. Musica e politica a Venezia nei secoli XIV-XV.
Un programma che propone le musiche composte da grandi musicisti del tempo in occasione degli insediamenti del nuovo Doge o per personaggi illustri. Un affresco storico-musicale particolarmente suggestivo.
Commissionato dal Teatro La Fenice per il Festival “Lo spirito della musica di Venezia” 2013.

O Homo considera. I sette peccati capitali con le letture delle Favole di Esopo e musiche del Medioevo.
Filo conduttore del programma sono i peccati capitali, che ben si legano alla morale espressa negli apologhi di Esopo e che trovano un forte richiamo nelle musiche del Medioevo.
È possibile prevedere come lettore la figura di un attore, magari con una certa vis comica.

Medioevo… e oltre. Un viaggio tra musiche antiche e contemporanee.
Un audace accostamento tra brani particolarmente significativi del repertorio medievale e alcune composizioni contemporanee ispirate a temi cari a quel repertorio.
Autori previsti: Joanna Bruzdowicz, Riccardo Vaglini, Gabriella Zen, Irma Ravinale.

Il vostro cor crudo e spietato. Musiche dell’Ars nova francese e del ‘300 italiano.
Un interessante confronto della produzione musicale del XIV secolo in Francia e in Italia.
Musiche di Philippe de Vitry, Guillaume de Machaut, Francesco Landini, Antonello da Caserta, Zachara da Teramo, etc.

 

Altre proposte di repertorio

La storia di Sant’Orsola. Musiche di Hildegard von Bingen (1098-1179) e testi tratti dal “Liber rivelationum “ di Elisabeth von Schoenau (1128-1164) e dalla “Legenda aurea” di Jacopo da Varagine (1230-1298).
Con la partecipazione di Milena Vukotic, voce recitante.

Il canto della Sibilla. Musiche dai monasteri femminili del Medioevo (sec. XII-XV).
Una importante raccolta di brani composti da donne musiciste o, se anonimi, comunque provenienti da codici appartenenti a monasteri femminili e quindi alla tradizione musicale di queste comunità.

Abelardo ed Eloisa. Una storia d’amore medievale.
In questo programma è previsto l’inserimento di due voci recitanti per la lettura di brani dell’Epistolario. (Già realizzato con Paola Gassman ed Ugo Pagliai).
La drammatica vicenda dei due sfortunati amanti rivissuta attraverso i testi del loro Epistolario e le musiche composte dallo stesso Abelardo o appartenenti al repertorio in uso nei monasteri cistercensi dell’epoca.

O Jerusalem, aurea civitas. Monaci, crociati e pellegrini nell’Europa medievale.
Tre aspetti fondamentali della vita medievale in alcuni dei più significativi brani di tutto il repertorio musicale dell’epoca: una vera epopea in musica.

Vox iberica. Musiche religiose e profane della Spagna medievale.
Un suggestivo affresco della variegata civiltà musicale della penisola iberica, che trova i suoi punti estremi nella complessa liturgia dei grandi Santuari di Compostela e Montserrat e la musica alla corte dei Re Cattolici, tra raffinatezze cortigiane e semplicità popolare.

Visitatio sepulchri. Uffici drammatici della Passione e del tempo di Pasqua (sec. XII-XV).
La ricostruzione drammatica e musicale dei Riti della Settimana Santa secondo i preziosi codici della Cattedrale di Padova, ricchi di elementi drammaturgici particolarmente importanti per la nascita e la storia del teatro musicale italiano.
Questo programma può essere eseguito in forma di concerto o in forma drammatica.

Chansons à la Vierge. La Madonna nella musica francese dal XII al XIV secolo.
Una antologia di musiche dei più importanti compositori francesi da Perotinus a Guillaume de Machaut dedicati alla Madonna, soggetto particolarmente caro ai musicisti medievali.

Vos flores rosarum. Canti medievali in onore dei Santi.
Canti gregoriani, monodia e polifonie con cui viene espressa la lode verso alcuni fra i Santi più venerati nel Medioevo, fino alle forme più popolareggianti della Lauda.

In die Annuntiationis e In die Purificationis. Drammi liturgici dei sec. XIII-XV.
Due tra i più rappresentativi Uffici drammatici di area italiana che traducono scenicamente e musicalmente i grandi cicli pittorici di Giotto e di Giusto de’ Menabuoi, secondo la ricostruzione effettuata sui codici della Biblioteca Capitolare di Padova.

Cantemus Organa. Polifonia francese di S. Martial de Limoges e della scuola di Notre-Dame, sec. XII-XIII
Lo splendore della polifonia dell’Ars Antiqua nel repertorio francese dei secoli XII e XIII, dagli Organa di S. Martial a Magister Perotinus.

Con accordi preventivi è possibile compilare altri programmi tematici relativi a feste liturgiche e a tematiche particolari della vita medievale.